Stagione 2017-2018

Tutti i film della stagione

L'ordine delle cose

Venerdì 29, Sabato 30 Settembre, Domenica 1 Ottobre - ore 21:00

Corrado, un alto funzionario del Ministero degli Interni specializzato in missioni legate al tema dell'immigrazione irregolare, viene scelto per un compito non facile: trovare in Libia degli accordi che portino progressivamente a una diminuzione sostanziale degli sbarchi sulle coste italiane. Le trattative non sono facili perché i contrasti all'interno della realtà libica sono molto forti e le forze in campo avverse con cui trattare molteplici. E c'è una regola assoluta da rispettare: mai entrare in contatto diretto con uno dei migranti. Ma Corrado casualmente entra in contatto con una giovane donna libica, già fermata nel corso della sua traversata in mare verso l'Italia, che vuole a tutti i costi ritentare il viaggio...
Andrea Segre, dopo “Io Sono Li” e “La Prima Neve”, torna a narrare le condizioni e i problemi degli immigrati con acuto realismo e precisione, grazie a una sceneggiatura ed una regia che, come nei suoi film precedenti, rinunciano ad esprimere direttamente ogni giudizio, ma riescono a rendere particolarmente toccanti, seppure amare, le storie raccontate.

Andrea Segre

Paolo Pierobon, Giuseppe Battiston, Valentina Carnelutti

Italia, Francia, Tunisia

2017

Drammatico

112 min.

Cattivissimo me 3

Domenica 1, Domenica 8 Ottobre - ore 14:30, 17:00

L'ex cattivissimo Gru ha abbandonato le passate malvagità per trascorrere una vita serena con le figlie acquisite Margo, Edith e Agnes, nonché con la moglie Lucy. Sia Gru che Lucy lavorano ora per l'AVL, agenzia che si incarica di catturare i supercattivi, ma la nuova direttrice licenzia in tronco entrambi quando non riescono a fermare il criminale Balthazar Bratt. Come se non bastasse, Gru scopre di avere un fratello gemello, Dru, identico a lui eccetto che per la fluente capigliatura bionda e la totale inettitudine al crimine, accompagnata però da un'irresistibile inclinazione ad entrare comunque in azione...
I cinque protagonisti di Cattivissimo Me, Gru, Lucy e le bambine tornano a raccontarci nuove divertentissime peripezie, senza fare mancare un'interessante svolta drammatica che vede Gru sdoppiarsi per recuperare quella parte di sé stesso ancora tentata dal brivido dell'avventura. Ed ovviamente ad accompagnare tutti ci sono gli immancabili Minions!

Animazione.

USA

2017

Animazione

96 min.

Dunkirk

Venerdì 6, Sabato 7, Domenica 8 Ottobre - ore 21:00

Il titolo più atteso della stagione, un'opera ad altissimo contenuto emotivo e spettacolare, capace far rivivere con precisione assoluta una vicenda storica molto complessa, ma anche un film strutturalmente perfetto, nelle scansioni della sceneggiatura, nella recitazione, nel montaggio che che non lascia un attimo di tregua allo spettatore e, non ultima, nella colonna sonora di Hans Zimmer che fondendosi con i rumori della guerra detta i tempi della narrazione.
Centinaia di migliaia di truppe britanniche ed alleate sono circondate dalle forze nemiche. Intrappolate sulla spiaggia con le spalle rivolte verso il mare, le truppe si trovano ad affrontare una situazione impossibile mentre il nemico si stringe intorno a loro. Gli Spitfire della RAF si sfidano col nemico in cielo aperto sopra la Manica in difesa degli uomini intrappolati a terra. Nel frattempo, centinaia di piccole imbarcazioni capitanate da militari e civili tentano un disperato salvataggio, mettendo a rischio le proprie vite in una corsa contro il tempo per salvare anche solo una piccola parte del proprio esercito.
L'ultimo film di Cristopher Nolan è già considerato un capolavoro del cinema contemporaneo.

Christopher Nolan

Fionn Whitehead, Tom Glynn-Carney, Jack Lowden

USA, Gran Bretagna, Francia

2017

Azione

106 min.

Easy - Un viaggio facile facile

Venerdì 13, Sabato 14, Domenica 15 Ottobre - ore 21:00

Isidoro, per i familiari Easy, ha 35 anni ed è stato una promessa dell'automobilismo competitivo fino a quando non ha cominciato a prendere peso. Ora vive con la madre e si imbottisce di antidepressivi. Fino al giorno in cui il fratello gli chiede un favore speciale: un operaio ucraino è morto sul lavoro e la salma va riportata in Ucraina senza troppe formalità. Easy può così tornare a guidare...un carro funebre!
Primo lungometraggio del regista riminese Andrea Magnani, un film dalla leggerezza inusitata, ma nello stesso tempo di una dolcezza interiore che non t'aspetti, tutto con un passo asciutto, sornione, con poche parole e nessun inutile virtuosismo, che riesce a garantire un divertimento mai sguaiato, incantevole e soffusamente surreale.

Andrea Magnani

Nicola Nocella, Libero de Rienzo, Barbara Bouchet

Italia, Ucraina

2016

Commedia

91 min.

Cars 3

Domenica 15, Domenica 22 Ottobre - ore 14:30, 17:00

Saetta McQueen ha un nuovo rivale: è Jackson Storm, un'auto da corsa di ultima generazione allenata su simulatori di gara avanzatissimi. L'opinione generale è che per Saetta sia arrivata l'ora di appendere gli pneumatici al chiodo e ritirarsi in buon ordine, andando a raggiungere le vecchie glorie del passato. Mai come in questo momento ha bisogno dei consigli del suo mentore Doc Hudson e dell'amicizia di Cricchetto e Sally: ma se questi ultimi gli sono vicini, Doc è una presenza confinata nel cuore e nella memoria. Nuovi alleati però appariranno lungo la strada della rivincita, prima fra tutti Cruz Ramirez, una bravissima istruttrice che ha messo da parte il sogno di diventare pilota di gara perché tutti, a cominciare dal suo capo, l'hanno scoraggiata dal tentare.
Giunta al terzo film, la saga di Cars torna alla semplicità dell'esordio con una storia che riesce brillantemente ad unire avventura e temi più seri, come quello della crescita e dell'accettare il proprio ruolo nel mondo. Il tutto senza dimenticare una qualità dell'animazione digitale che anche questa volta attesta Disney Pixar su livelli elevatissimi.

Animazione Disney Pixar.

USA

2017

Animazione

109 min.

Loving Vincent

Martedì 17, Mercoledì 18 Ottobre, Lunedì 20 Novembre, Lunedì 18 Dicembre - ore 21:00

Dopo lo strepitoso successo di pubblico delle proiezioni precedenti, torna per un'ulteriore replica nazionale il capolavoro che mai come nessun altro film prima ha saputo raccontare la vita e l'arte di Vincent Van Gogh.
La nuova frontiera della Grande Arte al cinema. Un lungometraggio poetico e seducente che mescola arte, tecnologia e pittura e si è aggiudicato il Premio del Pubblico all'ultimo Festival d'Annecy. 
Nessun altro artista al mondo ha dato vita a così tante leggende quanto Vincent van Gogh (1853-1890).
Dopo il successo di “Van Gogh Alive – The Experience” (la mostra multimediale più visitata al mondo), arriva finalmente al cinema una nuova straordinaria esperienza visiva: un appuntamento nato dal connubio tra arte e tecnologia che segnerà una nuova frontiera per la Grande Arte al Cinema, offrendoci l'opportunità di conoscere in modo nuovo uno degli artisti più amati di sempre.
Loving Vicent parte dalle lettere dell'artista e lascia che siano proprio i dipinti a raccontare la storia e l'opera del pittore olandese esposto nei più importanti musei del mondo.
Scritto e diretto da Dorota Kobiela & Hugh Welchman, Loving Vincent è infatti realizzato elaborando i quadri dipinti del pittore, componendo migliaia di immagini create nello stile di Vincent van Gogh da un team di 125 artisti che hanno lavorato anni per arrivare a un risultato originale e dall'impatto visivo indescrivibile.
EVENTO SPECIALE
Prezzi dei biglietti: intero € 10,00 - ridotto € 8,00

Dorota Kobiela, Hugh Welchman

Aidan Turner, Helen McCrory, Saoirse Ronan

Regno Unito, Polonia

2017

Animazione

94 min.

La storia dell'amore

Venerdì 20, Sabato 21, Domenica 22 Ottobre - ore 21:00

Leo, Bruno e Zvi crescono in un villaggio ebraico della Polonia di inizio Novecento, tutti e tre innamorati della stessa ragazza, la bellissima e volubile Alma. Quando la ragazza, davanti all'avanzare del nazismo, viene spedita dal padre negli Stati Uniti, Leo promette di raggiungerla e nel frattempo di spedirle, insieme alle sue lettere, i capitoli di un grande romanzo che sta scrivendo sulla loro storia d'amore. Passano gli anni e nel 2006 Leo si trova a condividere un edificio fatiscente con Bruno, con cui continua a litigare in yiddish, ed a cercare in ogni libreria quella “Storia dell'amore” che gli era stata sottratta e pare sia stata data alle stampe da altri...
Tratto dal best-seller di Nicole Krauss, l'ultimo film del regista rumeno naturalizzato francese Radu Mihaileanu (“Train de vie”, “Il concerto”) è un'opera che alterna sapientemente pathos melodrammatico, umorismo yiddish e dettagli usati ad effetto tragicomico. La nota dominante rimane però la consueta gioia e la capacità di raccontare che pochi registi contemporanei hanno saputo conservare.

Radu Mihaileanu

Derek Jacobi, Sophie Nélisse, Gemma Arterton

Francia, Canada, Romania, USA

2016

Drammatico

134 min.

Il colore nascosto delle cose

Venerdì 27, Sabato 28, Domenica 29 Ottobre - ore 21:00

Teo (Adriano Giannini) è un creativo che lavora presso un'importante agenzia di pubblicità. Ha una relazione con Greta, ma non disdegna attenzioni anche nei confronti di un'altra donna. Un giorno però conosce con Emma (Valeria Golino), una donna che ha perso la vista in giovane età, ha un matrimonio alle spalle e lavora come osteopata. Questo incontro segna profondamente Teo, cambiando il suo modo di rapportarsi con l'altro sesso. Allo slancio iniziale debbono però far seguito scelte che non sempre è facile adottare.
Silvio Soldini, dopo il il documentario “Per altri occhi” in cui seguiva alcune persone non vedenti nella loro vita quotidiana, prosegue la sua ricerca portando ora in scena la storia di una donna non vedente che interagisce con il mondo che la circonda esattamente come i non vedenti fanno nelle loro vite, dimostrandosi straordinariamente capace di affrancarsi dalle stereotipate e trite immagini del cieco (il saggio che 'vede' ciò che gli altri non vedono, il soggetto verso cui provare una più o meno malcelata pietà), e di cogliere invece la realtà e la vita di tutti i giorni.

Silvio Soldini

Valeria Golino, Adriano Giannini, Arianna Scommegna

Italia, Francia, Svizzera

2017

Drammatico

115 min.

Lego Ninjago - Il film

Domenica 29 Ottobre - ore 14:30, 17:00

La città Lego di Ninjago viene attaccata a intervalli regolari dal terribile signore del male Lord Garmadon, puntualmente fermato da sei mitici Ninja. Uno di loro è Lloyd (il Ninja Verde), sedicenne preso in giro da tutti al liceo, con un problema che gli altri suoi amici e compagni di battaglia non hanno: Garmadon è suo padre, che lo ha lasciato a sua madre sedici anni prima. Puoi davvero sconfiggere definitivamente il tuo papà?
La terza avventura, dopo “Lego Movie” e “Lego Batman - Il Film”, ambientata nel meraviglioso mondo dei mattoncini gialli non perde la sua irresistibile libertà narrativa. Mescolando cinecomic, film di arti marziali, dramma familiare, farsa totale, parodia, azione e surrealismo, ancora una volta riesce a dare vita ad un film divertentissimo per gli spettatori più piccoli, ma anche per i loro genitori!

Animazione

Usa

2017

avventura / fantastico

101 min.

Before the flood - Punto di non ritorno

Mercoledì 1 Novembre - ore 21:00

Durante la notte degli Oscar 2016, Leonardo Di Caprio sale sul palco per ritirare il premio come migliore attore protagonista nel film “The Revenant”. Nel suo discorso di ringraziamento si rivolge alla platea con queste parole: "Girare The Revenant è stato occuparsi della relazione tra l'uomo e il mondo naturale. Un mondo che abbiamo collettivamente percepito, nel 2015, come l'anno più caldo di sempre. La nostra produzione ha avuto bisogno di spostarsi fino alla punta più meridionale di questo pianeta solo per trovare la neve. I cambiamenti climatici sono reali, stanno accadendo in questo momento. È il pericolo più grave che la nostra intera specie si trova ad affrontare, e dobbiamo lavorare insieme e smettere di procrastinare".
“Before the Flood - Punto di non ritorno” è un documentario che segue lo stesso Leonardo di Caprio nel suo viaggio lungo i cinque continenti fino al Circolo Polare Artico, per intervistare i grandi scienziati, incontrare importanti leader mondiali, attivisti e residenti locali, per acquisire una più profonda comprensione del complesso problema del riscaldamento globale e indagare soluzioni concrete per affrontare la sfida ambientale più urgente del nostro tempo.
Dal regista premio Oscar Fisher Stevens, “Before the Flood” - Punto Di Non Ritorno" presenta un affascinante resoconto sui drammatici mutamenti che si verificano oggi in tutto il mondo a causa dei cambiamenti climatici, assieme a ciò che tutti noi, come individui e come società, possiamo fare per prevenire una fine catastrofica della vita sul nostro pianeta.
Proiezione con ingresso libero

Fisher Stevens

Bill Clinton, Leonardo DiCaprio, John Kerry

USA

2016

Documentario

93 min.

Appuntamento al parco

Venerdì 3, Sabato 4, Domenica 5 Novembre - ore 21:00

Il quartiere di Hampstead a Londra è famoso per il suo splendido parco, Hampstead Heath, un'oasi di tranquillità nel cuore della metropoli. Sul limitare del parco abita Emily una vedova americana che, dopo la scomparsa del marito, fatica a concentrarsi sulle cose che richiedono attenzione, come il suo vecchio appartamento che sta cadendo a pezzi, le sue finanze sempre più esigue e suo figlio Philip. Un giorno, mentre dalla finestra guarda la distesa verde del parco, Emily nota una capanna fatiscente, abitata da un uomo alquanto trasandato che viene aggredito da un gruppo di criminali. Il giorno successivo la donna decide di avventurarsi nel parco alla ricerca dello sconosciuto...
Dal regista inglese Joel Hopkins una storia d'amore Usa-Gran Bretagna in età avanzata con una misura di grazia e una coppia di interpreti di ottimo livello: Brendan Gleeson nei panni di Donald ed una superba Diane Keaton che con gli anni diviene sempre più raffinata e gradevole, riuscendo a regalare alla fragile ma indomita Emily una tenerezza senza tempo.

Joel Hopkins

Brendan Gleeson, Diane Keaton, James Norton

Gran Bretagna

2017

Drammatico

102 min.

Vita da giungla alla riscossa! Il film

Domenica 5 Novembre - ore 14:30, 17:00

Il pinguino Maurice si è adattato al clima tropicale della Giungla e ne è diventato anche il più tenace paladino. Cosparso di vernice arancione per assomigliare agli amorevoli felini che l'hanno adottato, si pone alla testa di una piccola squadra di valorosi che interviene a combattere ingiustizie e sbrogliare grattacapi: il primate brontolone Gilbert, il gorilla Miguel, la pipistrellina Batricia, e il pesciolino Junior.
Con il sostegno e l'incoraggiamento dei rospi Al e Bob, e del facocero canterino Fred, i coraggiosi amici dovranno affrontare Igor, un koala diabolico circondato dai suoi mercenari babbuini non molto intelligenti, che ha in programma di distruggere la giungla...
Primo lungometraggio dedicato ai personaggi dell'omonima serie televisiva animata, “Vita da giungla alla riscossa” è un'avventura che trae ispirazione da film e telefilm americani e giapponesi famosi come Goldrake, I Goonies e Indiana Jones, conditi da un'ottima dose di umorismo. Un film assolutamente da non perdere!

Animazione

Francia

2017

Avventura

97 min.

Finché c'è prosecco c'è speranza

Venerdì 10, Sabato 11, Domenica 12 Novembre - ore 21:00

Campagna veneta, colline del Prosecco. L'ispettore Stucky è chiamato a investigare su un apparente caso di suicidio: quello del facoltoso conte Desiderio Ancillotto, che si è tolto la vita con un gesto teatrale e improvviso. Stucky, appena promosso, tenta goffamente di portare avanti le indagini, schiacciato dall'inesperienza e dal peso di ingombranti questioni irrisolte. Tra filari e bollicine, il tenace ispettore si confronta con bottai, osti, confraternite di saggi bevitori, realizzando che la chiave per risolvere il mistero sta nella peculiare visione della vita che anima la zona; che la soluzione alla misteriosa scomparsa del conte passa per la sua cantina, tra vetro, alcool e sughero....
Con “Finchè c'è prosecco c'è speranza” Antonio Padovan, giovane italiano dalla promettente carriera, sebbene viva negli Stati Uniti da quasi dieci anni, esordisce alla regia portando sul grande schermo il libro omonimo di Ervas. Una scelta non casuale se si considerano le origini trevigiane del regista e il grande amore che nutre per la sua terra natia. La trama di “Finché c'è prosecco c'è speranza” si snoda fra episodi grotteschi, malintesi ed enigmi, resi ancor più potenti da quell'aura di comicità graffiante che non cessa mai di divertire lo spettatore. Se poi, a questo, si unisce l'unicità dei personaggi si hanno gli ingredienti per un perfetto noir dall'inconfondibile stile caustico.

Antonio Padovan

Giuseppe Battiston, Teco Celio, Liz Solari

Italia

2017

Noir

101 min.

Monster family

Domenica 12 Novembre - ore 14:30, 17:00

Monster Family racconta dell'illusione di una famiglia felice che si scontra con l'ingombrante presenza di quattro “mostri” infestanti: stress da lavoro, crisi di mezza età, pubertà e bullismo. Papà Frank è sfiancato dal lavoro. Fay sta attraversando gli irrequieti anni dell'adolescenza. Max è un dodicenne imberbe, canzonato dai compagni per le scarse doti atletiche e la bassa statura. Mamma Emma, infine, vorrebbe ricreare il nucleo compatto dei primi tempi ma non ci riesce. Durante una festa mascherata, a causa di un sortilegio lanciato da una strega inviata da Dracula in persona, i personaggi assumono per magia le sembianze dei loro costumi. Mummia, licantropo, vampira e mostro di Frankestein saranno quindi costretti a unire le forze per ritrovare l'armonia familiare e invertire l'incantesimo.
Se facciamo un passo indietro, la famiglia Wishbone, protagonista del film, potrebbe sembrare una qualsiasi famiglia dei nostri giorni, forse anche la nostra, dove ognuno è impegnato con se stesso e non riesce a trovare più il tempo per gli altri componenti della famiglia. La narrazione ha una componente morale ambiziosa ed educativa, tocca temi importanti e potenti, come la coesione, il mutuo sostegno, il coraggio di esprimere gratitudine e sentimenti, la lotta al bullismo, l'inesorabile evanescenza della bellezza, lo stress che annebbia il quotidiano. Un film che piacerà anche ai meno piccoli.

Animazione

Germania

2017

Animazione

96 min.

Watatu

Martedì 14 Novembre - ore 21:00

Arriva dal Kenia il film “Watatu”, realizzato da una compagnia specializzata nel rappresentare i conflitti tribali e religiosi nel paese africano. Yusuf e Salim, amici di vecchia data, si rincontrano a Mombasa dove il primo è venuto a lavorare come poliziotto. I due dovranno affrontare, su opposte sponde, morti e violenza a causa di antiche rivalità tribali e di un nipote che per rabbia si affilia ad una comunità radicale islamica. La vera protagonista della pellicola è però la stessa comunità kenyota in tutta la sua autenticità, peculiarità, speranze e contrasti difficilmente sanabili.
Il film, realizzato da S.A.F.E. (Sponsored Arts for Education), una ong anglo-kenyota che da anni lavora nelle comunità locali per affrontare le problematiche sociali attraverso il teatro, l'arte e la cultura, riesce ad unire felicemente l'intrattenimento e l'impegno civile, offrendoci una visone “africana” sui problemi del continente e un suggerimento su come le comunità possono trovare in se stesse le forze e le risorse per affrontare e risolvere le tensioni che rischiano di lacerarle irreparabilmente. Presentato nella sezione Riflessi al Festival del Cinema di Roma del 2015, “Watatu” è un emozionante ed onesto spaccato di uno dei più affascinanti e controversi paesi africani raccontato attraverso gli occhi ed il cuore della gente locale.

Nick Reding

Ali Mohammed Mlatso, Said Muhsin, Benson Obiva

Kenya

2015

Drammatico

88 min.

L'equilibrio

Venerdì 17, Sabato 18, Domenica 19 Novembre - ore 21:00

Giuseppe è un sacerdote campano, già missionario in Africa, che per superare una crisi di fede chiede al Vescovo di essere trasferito in un comune della sua terra. Don Giuseppe (Mimmo Borrelli) viene così spostato in un piccolo paesino del napoletano, dove sostituisce lo stimato parroco del quartiere, Don Antonio, uomo di grande carisma e ipnotica eloquenza, impegnato nella battaglia contro i sotterramenti illegittimi di rifiuti tossici. Prima di trasferirsi a Roma, Don Antonio introduce Giuseppe nella dura realtà del quartiere. Non passa però molto tempo e il nuovo parroco si scontra con i tremendi poteri che dominano quel luogo. Deciso a seguire con coraggio l'impegnativo percorso spirituale, fa di tutto per aiutare i membri della comunità nonostante la dura realtà che lo mette all'angolo.
Una storia che parla di umanità e della forza di difendere la propria fede davanti al dolore, ne “L'equilibrio” Marra non propone risposte o giudizi, ma è chiaro che il fulcro in cui ruota tutta la pellicola sia il coraggio e il rigore morale del nuovo arrivato. Nell'era della paura e di un sempre più problematico rapporto fra sincerità e il suo effetto nella società, il film racconta del terrore per il futuro e della paura di esprimere dissenso. “L'equilibrio” rappresenta la staticità mortifera di un Paese che non trova le risorse per riformarsi, uno slancio d'orgoglio per rinnovarsi, di una società che con la sua inerzia e timore mette a dura prova chi prova a cambiare lo status quo delle cose.

Vincenzo Marra

Mimmo Borrelli, Roberto Del Gaudio, Lucio Giannetti

Italia

2017

Drammatico

90 min.

Mazinga Z - Infinity

Domenica 19 Novembre - ore 14:30, 17:00

Tratto dal famoso manga del Maestro Gō Nagai, Mazinga Z - Infinity si basa su una nuova entusiasmante avventura del gigantesco robot pilotabile. Dieci anni dopo la sconfitta dell'Impero Sotterraneo, Koji Kabuto ha riposto la tuta da pilota in un cassetto per seguire le orme di suo nonno, il dottor Juzo Kabuto. Nelle compassate vesti di scienziato, Koji si imbatte in una sconvolgente scoperta che lo pone di fronte a un dilemma: restare spettatore dei catastrofici eventi che si preannunciano, o mettersi ancora una volta alla guida del potente Mazinga Z e salvare l'umanità dalla minaccia del perfido Dottor Inferno.
Mazinga Z - Infinity è un omaggio al Maestro Gō Nagai, antesignano del fenomeno dei “super robot” che spopolò in Italia negli anni Ottanta (impossibile non citare Ufo Robot!). Il lungometraggio animato, realizzato dall'immortale Toei Animation, fonde insieme i personaggi di due serie di anime consecutive, “Mazinga Z” e “Il Grande Mazinga” cercando di non lasciare scoperto neanche un anfratto del cuore e dei ricordi dei fan. Presentato con una prima mondiale alla 12^ edizione della Festa del Cinema di Roma all'interno della sezione Alice nella Città, Mazinga Z - Infinity ci ricorda che le creazioni di Gō Nagai ci appartengono quanto i grandi classici Disney. Mazinga Z Infinity parla di umanità, di solidarietà, di responsabilità e soprattutto di crescita su tutti i livelli. La magnifica capacità comunicativa unita al trascinante intrattenimento d'azione rendono questo film un must sia per i fan più nostalgici sia per chi si approccia ai super robot per la prima volta

Animazione

Giappone

2017

Animazione

95 min.

La battaglia dei sessi

Venerdì 24, Sabato 25, Domenica 26 Novembre - ore 21:00

“Non dico che le donne non dovrebbero stare in campo, altrimenti chi raccatterebbe le palle!” È una frase di Bobby Rings, tennista statunitense, nelle prime due posizioni del ranking mondiale tra gli anni '40 e '50. Il film racconta il leggendario incontro sportivo tenutosi nel 1973 tra lo stesso Riggs e la campionessa di tennis, paladina della lotta contro il sessismo, Billie Jean King. Un incontro passato alla storia come “La battaglia dei sessi”, il cui risultato è scritto nella storia dello sport ma i cui preparativi e preparazione rasentano il mito. Un match combatutto a suon di dichiarazioni e provocazioni su televisioni e copertine dei rotocalchi. Un vero e proprio circo mediatico che ha reso il campo di Houston teatro di una sfida che va ben oltre la semplice manifestazione sportiva. Chi vincerà?
Il film utilizza il tennis per raccontare la vita. Una metafora della sfida solitaria contro un avversario al di là dalla rete, ma anche, forse soprattutto, contro se stessi e i propri fantasmi. “La battaglia dei sessi” dimostra perfettamente questa doppia valenza, presentando la sfida sportiva di una donna contro un uomo, per rivendicare paghe più eque e per rispondere a una provocazione, all'alba del movimento femminista, ma anche il percorso di accettazione della propria “diversità”. Sceneggiata da un vero esperto di storie, Simon Beaufoy, vincitore dell'Oscar per “The Millionaire” ma già nominato anni prima per lo script di “Full Monty” e diretta dalla coppia di registi Valerie Faris e Jonathan Dayton (“Little Miss Sunshine”), la pellicola riesce a raccontare bene sia gli aspetti più puramente spettacolari di quel che è accaduto (lo show business prima che lo sport), sia tutto quanto ruotava dietro le quinte dell'evento. Il significato profondo sia in termini di diritti, sia di crisi di un'epoca e l'inizio di qualcosa di nuovo.

Jonathan Dayton, Valerie Faris

Emma Stone, Steve Carell, Andrea Riseborough

USA, Gran Bretagna

2017

Biografico

121 min.

Capitan mutanda

Domenica 26 Novembre - ore 14:30, 17:00

Diretto da David Soren e sceneggiato da Nicholas Stoller, Capitan Mutanda racconta la storia di George Beard e Harold Hutchins, due piccoli e creativi amici che trascorrono il loro tempo libero nella loro casa sull'albero a creare fumetti con protagonista un improbabile supereroe. Un giorno, poi, quando il loro preside minaccia di separarli e sistemarli in classi diverse con l'accusa di “amicizia a delinquere”, i due finiscono per ipnotizzarlo accidentalmente e trasformarlo in Capitan Mutanda, il più ridicolo ma efficace dei supereroi.
Con le scenografie di Nate Wragg e le musiche di Theodore Shapiro, Capitan Mutanda si ispira al primo dei libri illustrati di Dav Pilkey, pubblicato nel 1997. Tradotta in 20 lingue con oltre 80 milioni di copie vendute in tutto il mondo, la serie di libri di Capitan Mutanda si concentra fondamentalmente sull'amicizia di due ragazzini in grado di trasformare il loro maggiore nemico, il preside della scuola, in un supereroe originale, del tutto frutto della loro fantasia. Caratterizzata da illustrazioni semplici e da un linguaggio comico e mai volgare, la serie di Capitan Mutanda è stata scelta dalla DreamWorks per dare vita al 35° lungometraggio della casa di produzione.

Animazione

USA

2017

Animazione

89 min.

Canaletto a Venezia

Martedì 28, Mercoledì 29 Novembre - ore 21:00

In occasione della mostra di Londra approda nei cinema italiani un nuovo straordinario film-evento che guiderà gli spettatori attraverso la vita e le opere del pittore che meglio colse l'essenza e il fascino di una delle città più amate al mondo: Venezia.
Una visita esclusiva tra i luoghi che lo conquistarono attraverso le collezioni di Buckingham Palace e Windsor Castle.

Giovanni Antonio Canal, universalmente conosciuto come Canaletto (1697-1768) è l'artista italiano che più di ogni altro ha saputo raccontare la bellezza immortale di Venezia.
Il racconto che il celebre pittore fece della sua città viene percorso in questo straordinario film attraverso le opere conservate al Windsor Castle e a Buckingham Palace e grazie a uno splendido tour cinematografico attraverso la laguna. La storia della vita dell'artista si snoda così tra calli, piazze e canali che ne furono il principale scenario e che Canaletto seppe immortalare come nessun altro pittore al mondo. Grazie ai commenti e agli approfondimenti dei curatori della Royal Collection, il film spiega anche come le opere di Canaletto siano giunte da Venezia sino alle collezioni reali inglesi.
EVENTO SPECIALE
Prezzi dei biglietti: intero € 10,00 - ridotto € 8,00

di David Bickerstaff.

Gran Bretagna

2017

Documentario

85 min.

Vittoria e Abdul

Venerdì 1, Sabato 2, Domenica 3 Dicembre - ore 21:00

Victoria e Abdul è ispirato alla storia vera dell'improbabile amicizia tra il commesso indiano Abdul e la regina Vittoria durante gli ultimi anni del suo regno. Abdul Karim ha solo 24 anni quando sbarca in Inghilterra per servire la Regina durante il suo Giubileo d'oro. Lo sguardo curioso e ribelle del ragazzo fanno breccia nel cuore dell'anziana monarca, stanca di protocolli, rituali di corte e di notizie funeste dalle colonie britanniche. Affascinata dai racconti esotici e spensierati di Abdul, la Regina comincia a preferire la compagnia del domestico alla cerchia di barbosi e petulanti consiglieri reali. Riuscirà Victoria a dissipare dubbi e pregiudizi sulla figura del giovane indiano che creano non pochi malumori e contrasti all'interno della sua stessa corte?
Presentato in anteprima mondiale, fuori concorso, alla 74° edizione della Mostra del Cinema di Venezia, Vittoria e Abdul presenta dialoghi arguti, scenari sontuosi e interpreti azzeccati. Come non menzionare l'eccezionale interpretazione di Judi Dench in grado di mostrare le asprezze della Regina senza far perdere nello spettatore l'empatia nei confronti del personaggio. La pellicola di Stephen Frears racconta di un'amicizia impossibile, una favola di altri tempi, riscrivendo l'attualità per dimostrare che lo straniero non è (sempre) una minaccia.

Stephen Frears

Judi Dench, Ali Fazal, Eddie Izzard

USA, Gran Bretagna

2017

Biografico

149 min.

Paddington 2

Domenica 3 Dicembre - ore 14:30, 17:00

Ufficialmente trasferitosi nella mansarda di casa Brown a Windsor Gardens, Paddington è diventato davvero popolare nel quartiere. In cerca del regalo perfetto per il centenario di zia Lucy, l'orsa che lo ha amorevolmente allevato nel “profondo e misterioso Perù”, l'orsetto ghiotto di marmellata si imbatte in un incantevole libro pop up, un esemplare unico scovato tra le meraviglie del negozietto di antiquariato del signor Gruber. A corto di denaro, Paddington si rimbocca le maniche del cappottino blu, tira su la visiera floscia del cappello rosso e si cimenta in una serie di strambi lavoretti per racimolare la cifra necessaria. Ma quando il preziosissimo oggetto viene trafugato, tocca a Paddington e ai temerari componenti della famiglia Brown acciuffare il ladro.
A tre anni di distanza da Paddington, film campione d'incassi in Inghilterra candidato a due premi BAFTA, l'orsetto che prende il nome da una nota stazione ferroviaria londinese torna al cinema in una nuova avventura sempre diretta da Paul King. Il regista è riuscito a confezionare un nuovo miracolo: un film genuino e indirizzato ai bambini, ma dotato di un' incredibile suspense. Recitato con evidente divertimento dall'intero cast, realizzato con una cura tecnica ed estetica che lo pone alla pari di un Harry Potter, Paddington 2 aderisce in tutto e per tutto alla gentilezza e alla grazia del suo protagonista, divertendo e commuovendo con eleganza in un ritmo narrativo armonioso.

Paul King

Ben Whishaw, Hugh Grant, Brendan Gleeson

Gran Bretagna, Francia

2017

Animazione

97 min.

The place

Venerdì 8, Sabato 9, Domenica 10 Dicembre - ore 21:00

Ispirato alla serie “The Booth at the End”, il nuovo film di Paolo Genovese, The place, volge lo sguardo su un misterioso protagonista, ospite abituale a abitudinario di un ristorante, pronto a esaudire i più grandi desideri di otto visitatori in cambio di...alcuni compiti da svolgere. Quanto saranno disposti a spingersi oltre i protagonisti per realizzare i loro desideri? Chi di loro accetterà la sfida lanciata dall'enigmatico individuo seduto sempre allo stesso tavolo?
L'unità di luogo sembra diventata una sfida particolarmente apprezzata da Paolo Genovese che, dopo l'appartamento in cui un gruppo di amici trascorrono una sera scambiandosi pubblicamente i cellulari in “Perfetti sconosciuti”, torna nel suo nuovo film in un bar anonimo come il titolo: “The Place”. “The Place” è un tavolo a due in un bar. Un gioco di ruolo senza possibilità di fuga. Una sfida contro se stessi, il cui punto di partenza è una domanda: “Cosa saresti disposto a fare per ottenere ciò che desideri?”. Il quesito, come del resto il misterioso personaggio che lo pone, potrebbe scoperchiare il vaso di pandora dei nostri mali, oppure essere uno specchio verso la propria anima. C'è tutto in questo film, perché tutti lavorano alla perfezione. Attori, sceneggiatura, anche i costumi sono la ciliegina sulle fette di torta delle varie caratterizzazioni, così come la scenografia restituisce al film un teatro perfetto.

Paolo Genovese

Valerio Mastandrea, Marco Giallini, Alessandro Borghi

Italia

2017

Drammatico

105 min.

Nut job - Tutto molto divertente

Domenica 10 Dicembre - ore 14:30, 17:00

“Nut Job - Tutto molto divertente” è il sequel del fortunato “Nut Job - Operazione noccioline”: tornano quindi le avventure dello scoiattolo Spocchia e di tutti i suoi amici, che questa volta dovranno affrontare un nuovo problema: a seguito dell'esplosione del negozio abbandonato di noccioline, dove avevano vissuto nel “lusso” e nell'abbondanza di cibo, i piccoli amici dovranno fronteggiare l'emergenza del tornare a vivere procurandosi da mangiare in natura. Il grosso Liberty Park, la loro casa, è però in pericolo: un sindaco senza scrupoli vuole raderlo al suolo e costruirci un parco giochi di dubbia sicurezza per ricavarne dei profitti; Spocchia, la scoiattolina Andie e tutti i loro amici dovranno combattere per riconquistare il loro posto nella città.
Presentato nella sezione fuori concorso di Alice nella Città in occasione della 12^ edizione della Festa del Cinema di Roma, “Nut Job 2 - Tutto Molto Divertente”" trova la sua forza nell'irresistibile mimica e dialettica dello scoiattolo Spocchia, a cui fanno eco tutti i numerosi personaggi che lo circondano. Ma non solo, ci sono anche riferimenti alla società di oggi che il pubblico più adulto potrà cogliere e un messaggio di fondo molto importante, ovvero l'importanza del non cercare di schiacciare i più deboli per i propri interessi personali e che, di fronte ai problemi, l'unione fa sempre la forza.

Animazione

USA, Canada, Corea del sud

2017

Animazione

91 min.

Assassinio sull'Orient Express

Venerdì 15, Sabato 16, Domenica 17 Dicembre - ore 21:00

Dai finestrini delle carrozze del Simplon Orient Express non si vede altro che neve, un'immensa distesa bianca che inonda i binari e arresta la corsa del treno diretto a Calais. La premessa della nuova versione cinematografica di Assassinio sull'Orient Express è quella tradizionale del giallo corale firmato da Agatha Christie negli anni trenta. Gli illustri passeggeri a bordo del convoglio, riuniti nel lussuoso vagone ristorante, apprendono che un atroce omicidio si è consumato durante la notte: un distinto gentiluomo americano di nome Ratchett è stato pugnalato nel suo scompartimento. Tra i presenti si fa largo il sospetto che l'assassino, bloccato dalla neve, non abbia mai lasciato il treno e si nasconda ancora tra i viaggiatori dell'Orient Express. A orchestrare gli interrogatori, perquisire le valigie e le cabine, raccogliere indizi e calmare gli animi, interviene il miglior detective sulla piazza, per caso a bordo dello stesso treno, il carismatico Hercule Poirot (Kenneth Branagh). Il grassoccio investigatore belga nato dalla penna della Christie, ascolta uno dopo l'altro i reticenti testimoni, annuendo e arricciandosi i baffi a ogni menzogna o tentativo di sviare le indagini. Il suo intuito non lo tradisce mai e la soluzione del caso è più vicina di quanto non sembri.
Pubblicato per la prima volta a puntate sul Saturday Evening Post nell'estate del 1933, e come volume unico nel 1934 (l'anno successivo in Italia), “Assassinio sull'Orient Express” è il nono della serie di romanzi che vedono protagonista l'investigatore “belgioso” Hercule Poirot, nonché uno dei più noti tra i tanti gialli scritti dalla regina indiscussa del genere, la grande Agatha Christie. La Christie lo scrisse durante un soggiorno a Istanbul, in una stanza del Pera Palas Hotel, la 441, che oggi è diventata un piccolo museo in suo onore. Nel 1974 il celebre regista Sidney Lumet propose un adattamento cinematografico del romanzo, mettendo assieme un cast che andava da Albert Finney a Ingrid Bergman passando per Anthony Perkins, Lauren Bacall, Jacqueline Bisset, Sean Connery e tanti altri ancora. Ora, a portarlo di nuovo sul grande schermo ci hanno pensato Kenneth Branagh e la 20th Century Fox, che, per non essere da meno rispetto a Lumet, hanno radunato un cast d'eccezione che comprende Michelle Pfeiffer, Johnny Depp, Daisy Ridley, Josh Gad, Judi Dench, Penélope Cruz, Willem Dafoe e Michael Peña

Kenneth Branagh

Kenneth Branagh, Johnny Depp Penélope Cruz, Willem Dafoe

USA

2017

Drammatico

114 min.

Gli eroi del Natale

Lunedì 25, Martedì 26 Dicembre - ore 17:00

La più grande storia mai raccontata sul Natale. Un piccolo ma coraggioso asino di nome Bo come protagonista. Bo ha vissuto una vita di routine e di lavoro al mulino del villaggio quando un giorno trova la forza per liberarsi e inseguire l'avventura dei suoi sogni. Lungo la strada, il piccolo asino incontrerà Ruth, una simpatica pecora che ha perso il suo gregge, e Dave, un'ambiziosa colomba. Al gruppo si uniranno tre spiritosi cammelli e altri eccentrici animali. Il gruppo si ritroverà a seguire una particolare stella in cielo che li guiderà verso il loro eroico destino...
“Gli eroi del Natale” racconta la natività di Gesù in una maniera del tutto originale ed inedita, ovvero attraverso la prospettiva degli animali del presepe. Sono loro i veri protagonisti di questa pellicola che scalderà il cuore degli spettatori più piccoli e non. Gag divertenti e canzoni accompagnano tutto il film, e il racconto procede in maniera coinvolgente, in quello che è una sorta di road movie, un viaggio di formazione per i piccoli animali, alle prese con qualcosa di molto più grande di loro.

Animazione.

USA

2017

Animazione

86 min.

Dickens - L'uomo che inventò il Natale

Venerdì 5, Sabato 6, Domenica 7 Gennaio - ore 21:00

Siamo nel 1843 e Charles Dickens è a un punto di stallo della sua brillante carriera. Le sue ultime opere sono state massacrate dalla critica ed è sommerso dai debiti. In piena crisi creativa, nelle settimane che precedono il Natale decide di scrivere un racconto sullo spirito delle feste. Lo aiuteranno senza volerlo la nuova tata Tara e il suo amico di sempre John Forster.
“Dickens - L'uomo che inventò il Natale” è un continuo passaggio dal presente al passato dello scrittore, in un dialogo continuo con il vecchio e poco gentile Ebenezer Scrooge, protagonista del suo racconto e presente in carne e ossa nel corso di tutta la narrazione. Il mix perfetto delle percezioni spazio temporali è un elemento di forza di quest'opera alla quale va inoltre dato il merito, nonostante la venata malinconia che accompagna tutto lo svolgersi dell'azione, di aprirsi alla luce e all'ottimismo. Ottimo anche il cast, perfetto per un'opera corale come questa e particolare menzione va infine fatta per le scenografie, una Londra vittoriana ricostruita perfettamente, in cui lo scrittore si immerge per tutto il film e che fa trapelare anche i lati più oscuri della capitale inglese di metà Ottocento.

Bharat Nalluri

Dan Stevens, Christopher Plummer

Irlanda, Canada

2017

Biografico

140 min.

Coco

Sabato 6 Gennaio - ore 17:00
Domenica 7, Domenica 14 Gennaio - ore 14:30, 17:30

Coco ci porta in un variopinto villaggio messicano, animato dai preparativi per il Dìa de Muertos e dalla musica delle orchestrine che inonda le strade. Il dodicenne Miguel vorrebbe immergersi nei festeggiamenti strimpellando la sua chitarra sconquassata, ma sulla sua famiglia aleggia una maledizione che impedisce ai componenti di imbracciare strumenti musicali. Il divieto, imposto decenni prima dalla bisnonna Imelda, non riesce a tenere Miguel lontano da corde e arpeggi. Né lo frena dal venerare e imitare le melodie del suo cantante preferito, il leggendario Ernesto de la Cruz. Destinato a raccogliere l'eredità familiare ed entrare nel business delle calzature, il ragazzino preferirebbe incorrere nell'ira degli antenati piuttosto che incollare suole e lucidare scarpe per la vita. Così, nel giorno della festa che celebra i defunti, trafuga la chitarra magica appartenuta al suo idolo e finisce in una dimensione tanto fiabesca quanto misteriosa.
Coco è il 19° lungometraggio animato Pixar, a 22 anni di distanza dal loro debutto in sala con Toy Story.Immerso nella variopinta e musicale cultura messicana del Dìa de Los Muertos (tra l'1 e il 2 novembre), è nato da un'idea del suo regista Lee Unkrich nel 2010, più o meno nel periodo in cui stava terminando Toy Story 3, anche se la fase di animazione non è cominciata se non nel 2016. Piccola curiosità segno dei tempi e dei confini sempre più sfumati tra Disney e Pixar: per Coco si spezzerà la tradizione pixariana di abbinare un cortometraggio all'esperienza in sala. Al suo posto ci sarà una vera e propria featurette Walt Disney Animation Studios di 21 minuti intitolata “Frozen - Le avventure di Olaf”, che ha tutta l'aria di essere un primo assaggio di quel Frozen 2 previsto per il 2019.

Animazione Disney Pixar.

USA

2017

Animazione

105 min.

La ruota delle meraviglie

Venerdì 12, Sabato 13, Domenica 14 Gennaio - ore 21:00

“La Ruota delle Meraviglie” ha come sfondo la pittoresca Coney Island, con la spiaggia, la passerella e le scintillanti attrazioni lungo il litorale. Siamo nel 1950 e le vite di quattro personaggi si intrecciano ai piedi della celebre ruota panoramica costruita negli anni venti. Quella dell'imbronciata e malinconica Ginny, ex attrice emotivamente instabile, ora cameriera presso un modesto ristorante di pesce; di suo marito Humpty, rozzo manovratore di giostre; del giovane Mickey, un bagnino di bell'aspetto che coltiva aspirazioni da commediografo; e della ribelle Carolina, la figlia che Humpty non ha visto per molto tempo e che ora è costretta a nascondersi nell'appartamento del padre per sfuggire a un gruppo di spietati gangster che le dà la caccia.
Nell'ultimo film del genio newyorkese, la ruota che gira, è quella della vita e del destino, che pare non fermarsi mai su uno spicchio vincente ma riservare solo amarezza e delusione. La pellicola è una sorta di B-side proletario sull'onda di Blue Jasmine. Meno acido, meno caustico ma con più pathos e più teatralità, con una protagonista che, scena dopo scena, è sempre più Blanche DuBois, la protagonista dell'opera di Tennessee Williams “Un tram che si chiama Desiderio”. L'ambientazione è infine un tributo ad una delle più grandi passione del Woody Allen bambino, Coney Island e il suo parco divertimenti, che avevamo già visto in “Io e Annie” come casa del piccolo Alvy Singer.

Woody Allen

Jim Belushi, Juno Temple, Justin Timberlake

USA

2017

Drammatico

101 min.

Musei vaticani

Martedì 16, Mercoledì 17 Gennaio - ore 21:00

“Musei Vaticani” rappresenta uno straordinario viaggio alla scoperta delle più suggestive opere d'arte raccolte in due millenni di storia e porta per la prima volta le telecamere Ultra HD 4K/3D e la tecnica di dimensionalizzazione utilizzata al cinema da James Cameron (Avatar) all'interno dei Musei Vaticani e della Cappella Sistina, mostrando i capolavori di Roma come non sono mai stati visti prima. Una megaproduzione realizzata da una troupe di 40 professionisti che hanno esplorato in lungo e in largo i Musei Vaticani: riprese suggestive effettuate di notte attraversando le sale in cui sono custodite alcune delle opere più rare e preziose del mondo, spaziando attraverso tutte le culture e tutte le epoche.
Lo spettatore potrà immergersi nei grandi capolavori della storia dell'arte: “entrare” nei dipinti di Caravaggio, toccare con un realismo senza precedenti il Laocoonte ed il Torso del Belvedere, sentirsi avvolto dalle figure mai così vere della Cappella Sistina. Dai capolavori della statuaria classica alla Pietà di Michelangelo, fino alle sculture moderne di Fontana; dai dipinti di Giotto, Leonardo Da Vinci e Caravaggio a quelli di Van Gogh, Chagall e Dalì; dagli straordinari affreschi delle Stanze di Raffaello, come “La Scuola di Atene”, agli spettacolari capolavori michelangioleschi della Cappella Sistina come la “Creazione di Adamo” e il maestoso “Giudizio Universale”. Sono queste le tappe di un viaggio unico ed emozionante, condotto con l'autorevole guida del Direttore dei Musei Vaticani, il Professor Antonio Paolucci. Attraverso passato, presente e futuro.

di Marco Pianigiani

Italia

2013

Documentario

65 min.

Due sotto il burqa

Venerdì 19, Sabato 20, Domenica 21 Gennaio - ore 21:00

Cosa non si farebbe per amore? Armand e Leila stanno pianificando di volare insieme a New York, ma pochi giorni prima della partenza, Mahmoud, fratello di Leila, fa il suo ritorno da un lungo soggiorno in Yemen, un'esperienza che lo ha cambiato... radicalmente: ai suoi occhi, ora, lo stile di vita moderno della sorella offende il Profeta. L'unica soluzione è confinarla in casa e impedirle ogni contatto con il suo ragazzo. Ma Armand non ci sta e pur di liberare l'amata escogita un piano folle: indossare un niqab e spacciarsi per donna. Il suo nome d'arte? Shéhérazade. Quello che Armand non si aspetta è che la sua recita possa essere sin troppo convincente, al punto da attirargli le attenzioni amorose dello stesso Mahmoud...
Il cinema francese non è nuovo alla commedia di estrazione sociale e negli ultimi anni si è fatto portavoce di quella pluralità etnica che in fin dei conti caratterizza la vera anima nazionale della Francia. “Due sotto il burqua” ha il pregio di affrontare il tema dell'integralismo religioso attraverso i toni leggeri della commedia ma non solo: la regista Abadi è nata e vissuta in Iran e solo nel 1998 è approdata in Francia. Pertanto il suo film è costruito con un approccio lontano dai luoghi comuni occidentali e si percepisce una peculiare raffinatezza dissacratoria offerta dalla posizione privilegiata di cui gode la Abadi, in quanto donna progressista e figlia della rivoluzione khomeinista del 1979. Il risultato è una pellicola con un forte valore civile, anarchico e sottilmente irriverente.

Sou Abadi

Félix Moati, Camélia Jordana, William Lebghil

Francia

2017

commedia

88 min.

Star Wars: Gli ultimi Jedi

Domenica 21 Gennaio - ore 14:30, 17:30

La Forza scorre nella giovane e coraggiosa mercante di rottami Ray, la quale ha bisogno di un maestro che le insegni a controllarla. Rivelata la mappa che traccia la rotta per il nascondiglio segreto di Luke Skywalker, la ragazza attraversa l'universo fino al pianeta sperduto dove il cavaliere jedi si è ritirato in esilio volontario. Si inerpica lungo sentieri impervi, perlustra gli angoli più selvaggi dell'isola per incrociare lo sguardo del leggendario guerriero che ha combattuto e sconfitto l'Impero per porgergli la vecchia spada laser appartenuta alla sua famiglia. Il gesto significativo riprende ed eguaglia il passaggio di testimone avvenuto nel corso della saga, nella quale l'allievo assume infine il ruolo di mentore. Intuitiva e tenace, Rey è la capofila delle nuove leve Jedi, pronta a contrastare le forze del sinistro Primo Ordine, in aiuto della Resistenza. Accanto a lei ritornano l'ex assaltatore Finn, il pilota di X-wing Poe Dameron, l'occhialuta aliena Maz Kanata e il Generale Leia Organa. Tra i servitori del Lato Oscuro, con il volto sfregiato dall'ultimo scontro con Rey, ritroviamo Kylo Ren influenzato dalla misteriosa figura del Leader Supremo Snoke.
Niente nostalgia ma la voglia e la necessità di cambiare e aprire finalmente le porte al futuro: della saga e dei personaggi. Rian Jonhson osa e vince la sua scommessa grazie anche ad una massiccia iniezione d'umorismo e alla consapevolezza che i testi sacri non contano più nulla, che il nuovo è o può essere forte ed avvincente. Star Wars - Gli ultimi Jedi è così spiazzante e sorprendente, capace di omaggiare il passato come di liberarsene per guardare avanti, per battere sentieri nuovi, per strutturare una nuova mitologia. Una nuova, grande avventura stellare assolutamente da non perdere.

Rian Johnson

Mark Hamill, Carrie Fisher, Adam Driver

USA

2017

Azione

152 min.

La signora dello zoo di Varsavia

Venerdì 26, Sabato 27, Domenica 28 Gennaio - ore 21:00

Ispirato alla storia vera di Jan e Antonina Zabinski, “La signora dello zoo di Varsavia” è un racconto di eroismo civile in tempo di guerra, e insieme una dichiarazione d'amore per la natura e gli animali.
Sul finire del 1939, le truppe naziste bombardano la capitale polacca, riducendo il famoso zoo a un cumulo di macerie. Il direttore della struttura e sua moglie assistono impotenti all'occupazione del Paese e alla costruzione del ghetto ebraico. Ma con l'inizio delle deportazioni, nel 1942, la coppia si mobilita per nascondere intere famiglie di Ebrei all'interno del giardino zoologico, mascherato da allevamento di maiali. La villa degli Zabinski e le vecchie gabbie ancora intatte diventano un rifugio segreto al riparo dai feroci nazisti. "La casa sotto la folle stella", com'era chiamato lo zoo al tempo del suo massimo splendore, viene ricordata per aver salvato circa trecento Ebrei dal genocidio.
Gli animali e la loro purezza di fronte alla tragedia dell'Olocausto, compiuto dalle bestie feroci naziste. La storia di chi non ha voluto e non ha potuto chiudere gli occhi di fronte all'orrore. È questo in sintesi il messaggio che ha voluto passare la regista neozelandese Niki Caro con il suo ultimo film, fatto di contrasti e di tensioni incentrati sulla figura di Antonina Zabinski una donna che ha vissuto sulla propria pelle la potenza dell'odio della guerra ma che non ha voluto rassegnarsi, guidata da un'incredibile forza d'animo.

Niki Caro

Jessica Chastain, Johan Heldenbergh, Daniel Brühl

USA, Repubblica ceca, Gran Bretagna

2017

Biografico

127 min.

Ferdinand

Domenica 28 Gennaio - ore 14:30, 17:00

C'era una volta in Spagna un torello in una fattoria che non giocava ai combattimenti come i suoi coetanei ma amava il profumo dei fiori… Inizia così la storia scritta nel 1936 da Munfo Leaf autore di libri per bambini da cui è tratto il cartoon diretto da Carlos Saldanha in uscita sui grandi schermi per la Blue Sky. Non è la prima volta che “La storia del Toro Ferdinando”, classico letterario per ragazzi bandito in Spagna e in Germania negli anni del nazismo, è stato adattato per il grande schermo. Successe nel 1938 prodotto da Walt Disney e vinse il premio Oscar per la categoria animazione.
Il piccolo Ferdinand è presentato sin dall'inizio come una specie di alieno al confronto con l'arrogante toro Valiente e i suoi amici. Loro smaniano dalla voglia di crescere e di entrare nell'arena per diventare degli eroi come i loro padri. Al contrario Ferdinand riesce a scappare da un posto che non sente suo. Da questo prologo si dipana tutta la narrazione che passa per l'adozione del cucciolo da parte di una graziosa bambina e del suo papà che vende fiori. Il ritorno forzato del nostro eroe cresciuto e diventato imponente apre metaforicamente una parentesi sulle difficoltà del diventare grandi e affrontare la dura realtà. Ma nulla è perduto e il sogno può continuare grazie alla fuga degli animali dalla fattoria che ricorda molto quella di “Galline in fuga”, piccolo capolavoro dell'animazione del 2000.

Animazione

USA

2017

Animazione

106 min.

Come un gatto in tangenziale

Venerdì 2, Sabato 3, Domenica 4 Febbraio - ore 21:00

Giovanni, la teoria. Intellettuale impegnato e profeta dell'integrazione sociale vive nel centro storico di Roma. Monica, la pratica. Ex cassiera del supermercato, con l'integrazione ha a che fare tutti i giorni nella periferia dove vive. Non si sarebbero mai incontrati se i loro figli non avessero deciso di fidanzarsi. Sono le persone più diverse sulla faccia della terra, ma hanno un obiettivo in comune: la storia tra i loro figli deve finire. I due cominciano a frequentarsi e a entrare l'uno nel mondo dell'altro. Giovanni, abituato ai film nei cinema d'essai, si ritroverà a seguire sua figlia in una caotica multisala di periferia; Monica, abituata a passare le sue vacanze a Coccia di Morto, finirà nella scicchissima Capalbio. Ma all'improvviso qualcosa tra loro cambia..
“Come un gatto in Tangenziale”, il nuovo film di Riccardo Milani, vede di nuovo riunita la coppia Antonio Albanese e Paola Cortellesi, impegnati in una storia fra due persone che vengono da mondi completamente opposti e che difficilmente possono avere un futuro assieme. Nonostante questo, la pellicola vuole trasmettere il messaggio che vale comunque la pena conoscere meglio chi ha poco in comune con noi perché il risultato è sempre una crescita personale. Centro della storia è il contrasto fra borghese e proletaria, che Riccardo Milani racconta con una notevole sensibilità e curiosità. Albanese e Cortellesi hanno tempi comici perfetti grazie all' intesa già consolidata con l'esperienza in “Mamma o papà?” e riescono ad andare oltre alla risata immediata, fornendo spunti di analisi sociale. Un ottimo punto di partenza per una commedia italiana che ha bisogno di rinnovamento.

Riccardo Milani

Paola Cortellesi, Antonio Albanese, Sonia Bergamasco

Italia

2018

Commedia

98 min.

Associazione lantenamagica | via Ospedaletto 4, 37066 Sommacampagna VR | C.F. 93144790230   P.I. 03167490238

Questo sito utilizza cookie

COOKIE
Questo sito NON utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, consulta la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Back to top