Questa settimana al VirtusCinema di Sommacampagna:

Venerdì 2, Sabato 3, Domenica 4 Dicembre - ore 21:00

Che vuoi che sia

di Edoardo Leo, con Edoardo Leo, Anna Foglietta, Rocco Papaleo.
Italia 2016, Commedia, 105 min.

È davvero così sbagliato svendere la propria intimità per potersi finalmente permettere di realizzare i propri sogni? Se lo chiederà Claudio, sviluppatore informatico, che visto l'insuccesso del crowdfundig per finanziare la sua piattaforma web, decide di lanciare una provocazione: fare un'offerta on-line per un video hard, girato con la sua compagna Anna nella loro camera da letto, da mettere online. Tanto è questo che si cerca su Internet, no? Quello che doveva essere un gioco, uno scherzo, ha in realtà un boom di visualizzazioni, la celebrità della coppia aumenta, le donazioni raggiungono una cifra incredibile. Con questo metodo, Claudio ha finalmente a disposizione il denaro per la sua piattaforma web e quindi una situazione economica stabile da poter pensare finalmente di avere un figlio con Anna...
Ponendosi al confine tra la tragedia dell'intimità condivisa e l'incombente precarietà che affligge i giovani oggigiorno, Edoardo Leo torna per la quarta volta dietro la macchina da presa con “Che vuoi che sia”, un dramma travestito da commedia che riflette sull'uso dei social network e sull'imbarbarimento delle nostre abitudini nell'utilizzo delle moderne tecnologie. “Che vuoi che sia” porta lo spettatore davanti ad un immaginario specchio e lo spinge forzatamente ad interrogarsi sulla propria vita, sui propri sogni e su cosa sarebbe disposto a fare per realizzarli. E le risposte non sembrano essere poi così scontate.
commenta



Domenica 4 Dicembre - ore 14:30, 17:00

Kubo e la spada magica

Animazione.
USA 2016, Animazione, 101 min.

Giappone antico. Kubo, un giovane privo di un occhio, si prende cura della madre malata e si guadagna da vivere come raccontastorie utilizzando lo shamisen, un magico strumento musicale, per animare i suoi origami. Quando Kubo scatena accidentalmente una maledizione, deve unire le forze con Monkey e con l'insetto samurai Beetle per trovare l'armatura perduta di suo padre, il più grande samurai mai esistito, svelare il mistero della sua morte e sconfiggere il vendicativo Re Luna e le perfide Sorelle.
In un mondo in cui l'animazione riesce a rappresentare la realtà in modo ogni giorno sempre più perfetto, ci sono delle eccezioni che decidono di staccarsi da tutto ciò e ritagliarsi un posto originale nel mondo della narrazione d'animazione. Tra queste spicca senza ombra di dubbio Laika Entertainment che, fin dal primo giorno, ha messo bene in chiaro il proprio desiderio di voler raccontare delle storie diverse, dal sapore quasi antico, che mirano a colpire lo spettatore nel profondo, scuotendo la sua emotività e la capacità di elaborare riflessioni postume alla visione di una pellicola. “Kubo e la spada magica” è un esempio di questa filosofia, che diventa il mezzo perfetto per raccontare una favola d'altri tempi e luoghi, un' impresa epica dalle lontane radici fantasy, affascinante, misteriosa, coinvolgente ma non per questo meno divertente.
commenta



Mercoledì 7 Dicembre - ore 21:00

Nosferatu

di Friedrich Wilhelm Murnau, con Max Schreck, Greta Schröder, Ruth Landshoff.
Germania 1921, Orrore, 95 min.

Secondo appuntamento della Rassegna “Il Cinema Ritrovato” in collaborazione con la Fondazione Cineteca di Bologna.
“Il film capitale del cinema muto”. Dal Dracula di Bram Stoker, la storia immortale di Nosferatu, il non-morto che semina la peste, assorbe e spegne le forze vitali, attenta all'equilibrio dell'universo, finché un sacrificio femminile farà sorgere l'alba sulla città liberata.
Sul piano formale, il film si allontana dall'espressionismo e lo trascende: prima d'ogni altra cosa per l'importanza che vi ha la Natura, per l'impressionante varietà di esterni reali che ne accrescono il romanticismo magico. Murnau si abbandona totalmente al suo gusto della polifonia e del contrappunto, sul piano drammatico e cosmico. Nosferatu è prima di tutto un poema metafisico nel quale le forze della morte mostrano la vocazione - una vocazione inesorabile - ad attirare a sé, aspirare, assorbire le forze della vita, senza che nella descrizione di questa lotta intervenga alcun manicheismo moralista" (Jacques Lourcelles).
Il genere horror ed il cinema d'autore difficilmente si conciliano. Ed infatti si dice che nell'intera storia del cinema i film horror d'autore siano solo due. Il “Nosferatu, Eine Symphonie des Grauens” di Murnau è uno di essi. Ma è anche molto di più, perché da un romanzo arcinoto, il regista riesce a trarre un film sull'ambiguità, sulle certezze che non esistono, sull'inquietudine che si nasconde anche dietro alle cose a noi più familiari. Un capolavoro senza tempo.
commenta


Vieni a visitarci sul sito per guardare i trailer, scaricare le schede dei film, accedere ai siti ufficiali o lasciare un commento.

____________________________________________________________________

VirtusCinema Sommacampagna
Via Ospedaletto 4
37066 Sommacampagna, Verona
Tel. 349 77 95 283 -- 338 26 22 057
http://www.virtuscinema.it
____________________________________________________________________